giovedì 7 ottobre 2010

Cds master: Undici cuori d'argento

Eccoci! Siamo le undici "ragazze" dell'affiatato gruppo dell'Atletica ASI Veneto che hanno messo cuore e determinazione nella finale nazionale dei Societari master, dando ognuna un prezioso contributo alla conquista del secondo posto nella classifica di società. In soli 3 anni di attività abbiamo conquistato due secondi posti (Formia 2008 e Cagliari) e uno scudetto (Firenze 2009).

Liviana Piccolo e Nadia DandoloNadia Dandolo (MF45): Prima di partire si è fatta incidere su un anello la seguente frase, ispirata a una dedica recentemente ricevuta: "L'amore per la corsa mi ha attraversato l'anima". A Cagliari Nadia avrebbe dovuto esserci solo in veste di accompagnatrice, dal momento che l'8 settembre scorso aveva subito l'ennesimo intervento e dalla convalescenza era uscita da pochi giorni. Era stata comunque iscritta alla manifestazione con la possibilità di partecipare, qualora se la fosse sentita. Alla fine ha deciso di scendere in pista e vederla in gara correre i 1.500 in 5'00"84 e i 3.000 in 10'45"04 (classificandosi rispettivamente al terzo e quarto posto) è stata una forte emozione per tutte noi (nella foto è insieme a Liviana Piccolo al termine dei 3000 metri).

4x400 - Faraone Nadali Ramani GiustiDaniela Faraone (MF40): La nostra "matricola (la prima da sinistra nella foto) è stata bravissima, correndo due belle frazioni sia nella 4x100 che nella 4x400 e aggiudicandosi così due medaglie d'argento. Il suo sorriso e i suoi calzoncini non sono passati inosservati tra gli atleti dello stadio cagliaritano. Finalmente ha deciso di prepararsi sui 400 metri: siamo certe che il prossimo anno farà faville in questa specialità.



Timmy, Nadali, Ferrarini e PierobonBarbara Ferrarini (MF40): la vice-campionessa europea W40 di salto in lungo (con 5,44) e dei 400 hs era bloccata da più di un mese per un infortunio al piede. Lei (la terza da sinistra nella foto), che ormai ci ha ormai abituato ai "miracoli" dell'ultimo minuto (come lo scorso anno a Firenze), si è presentata con tanta determinazione sulla pedana del salto in lungo. Purtroppo questa volta non ce l'ha fatta. Non ha raccolto l'invito ad abbandonare la pedana ed ha voluto comunque saltare, racimolando un ventesimo piazzamento che è comunque entrato nella classifica delle 13 gare. Pur zoppicando ha poi coperto anche la gara del disco, dove è riuscita a scagliare l'attrezzo oltre i 20 metri. Forza Barbara, supererai anche questo infortunio e tornerai a saltare e a correre come tu sai fare.

Mirella Giusti (MF50): Grande, grande, grande! Il suo impegno è stato finalmente premiato. E' salita sul gradino più alto del podio nella gara dei 400 metri infrangendo finalmente, dopo averci provato più volte nel corso dell'anno, il muro dei 67 secondi. E l'ha fatto nella manifestazione più importante per la società. Sui 200 metri si è classificata al quarto posto e ha terminato le sue fatiche con una bella frazione della 4x400. (Nella foto Mirella è insieme a Fioretta Nadali dopo l'arrivo dei 400 metri)






Rosa Marchi (MF45): tornare sui blocchi di partenza dopo 7 mesi di stop per infortuni vari è stata per me un'emozione bellissima, così come correre la staffetta 4x100. Il quarto posto sui 100 metri e il tempo sub 14" è stato davvero insperato, vista la completa mancanza di preparazione specifica. Correre senza sentire dolori è stata una sensazione impagabile! La gara del triplo poi non l'avevo in alcun modo preparata, per evitare di rischiare un ulteriore infortunio che avrebbe compromesso 100 metri e staffetta. Ho cercato di ricordarmi le sensazioni di due anni fa quando, sempre per esigenze societarie, avevo debuttato su questa gara saltando poco più di 7 metri. Trovarmi ad atterrare a 8,60 m. classificandomi al nono posto è stata una vera sorpresa. (foto tratta dal sito www.gsrunners.it)

Dandolo Piccolo Faraone MeneghessoLucia Meneghesso (MF40): Lei è decisamente una "tosta". Anche quest'anno si è messa a disposizione della squadra e, lasciati i panni di direttrice di banca, è arrivata a Cagliari per lanciare il giavellotto (dove ha collezionato un buon decimo posto) e gettare il peso. La sua è una presenza importante, sia come donna che come atleta, e il suo contributo è stato preziosissimo (è la prima da destra nella foto). Grazie Lucia.











Fioretta Nadali e Ugo SansonettiFioretta Nadali (MF50): Come Daniela anche lei è stata una matricola di questa manifestazione. Una new-entry che si è rivelata importantissima per la squadra. Sui 400 metri è partita con una grinta e una determinazione ammirevoli! Peccato che negli ultimi 50 metri le sia mancata un po' di tenuta, infatti solo nel finale Mirella l'ha superata. La sua gara coraggiosa le ha comunque regalato un ottimo terzo posto e la gioia di salire sul podio. Sugli 800 metri è poi giunta quarta e anche nella 4x400 non ha tradito le attesa correndo una bella frazione di staffetta. Il marito, che l'ha accompagnata in questa trasferta, è stato nominato fotografo ufficiale del nostro gruppo. Grazie Timmy! (Nella foto Fioretta è con il "mitico" Ugo Sansonetti", quattrocentista novantunenne)




Chiara PassigatoChiara Maria Passigato (MF45): Sabato se ne è stata tutto il giorno in spiaggia salvo comparire poi, verso sera, per fare la riserva nella 4x100. Il suo colore tinta aragosta ci aveva un po' preoccupato, ma domenica mattina ha tirato fuori le sue risorse segrete agguantando un secondo posto sui 200 ad ostacoli e un sesto posto nel salto in alto. La nostra "katerpillar" non si smentisce mai. Brava! (nella foto in azione sugli ostacoli nella foto scattata da Nani Prampolini)








Liviana PiccoloLiviana Piccolo (MF60): La nostra "piccola grande donna", che vive a Venezia ed è capace di vogare e pure di condurre una gondola, ha messo l'anima nelle sue gare, collezionando due splendidi terzi posti. Sui 1.500, con un tempo di poco superiore ai 6 minuti, è arrivata ex-equo con Nadia Dandolo, avendo collezionato, per una incredibile coincidenza, lo stesso punteggio di 926 punti. E' stato difficile spiegarle il perché non è potuta salire sul podio insieme a Nadia. Il regolamento della manifestazione prevede che, in caso di parità, venga premiata l'atleta con la miglior misura o prestazione cronometrica, cioè quella appartenente alla categoria più giovane. Inoltre, sempre in base al regolamento, avere due atlete ex equo nella classifica di una gara, significa di fatto perdere mezzo punto nella classifica di società. Una situazione al limite del paradossale, ma probabilmente così remota da non essere mai stata contemplata nel regolamento. L'ex-equo di solito avviene tra atlete di società diverse e, in quel caso, l'assegnazione del mezzo punto è comprensibile. Sul podio Liviana è poi finalmente salita al termine della sua fatica sui 3.000 metri.

Nadali Marchi Ferrarini PierobonLucia Pierobon (MF50): I 100 metri cominciano a starle stretti, anche se ha ottenuto un ottimo quinto posto su 32 atlete in gara. Nella 4x100 ha dato il suo immancabile contributo come prima frazionista ma è stata la gara del triplo, coperta per esigenze societarie, ad aprirle nuovi orizzonti. Lucia (la prima da destra nella foto) in pedana si è divertita moltissimo, peccato che la scelta di staccare dai 5 metri anziché dai 7 le abbia impedito di esprimersi al meglio in questa gara dove potrebbe trovare nuovi stimoli per il futuro.

4x100 - Pierobon Marchi Ramani FaraoneGabriella Ramani (MF45): Lei (la seconda da sinistra nella foto) è una delle nostre colonne, affidabile e precisa. Insieme al marito Dusko, con grande disponibilità ha partecipato alla riunione tecnica a nome della squadra. Si è aggiudicata i due argenti nella 4x100 e 4x400 ed è giunta settima sui 200 metri. In quest'ultima gara è rimasta un po' delusa, ma il vento ha condizionato la sua azione di corsa molto elastica.







Altre foto...

Nadia Dandolo in azione:
Nadia Dandolo



Il podio della 4x100:
Podio 4x100



I nostri striscioni e la "Lolina":




Lo speaker e donne in vestiti folkloristici:

martedì 5 ottobre 2010

Cagliari: un luminoso secondo posto

La formazione dell'Atletica ASI VenetoQuando siamo atterrate all'aeroporto di Orio al Serio, accolte da nuvole grigie e dalla tipica foschia del nord, si è fatta ancora più forte la nostalgia del cielo azzurro e del sole che avevamo lasciato a Cagliari. Il ricordo della bella manifestazione a cui abbiamo partecipato ci accompagnerà per molto tempo.

Ci spiace per quelle squadre che, per problemi economici, logistici o di lavoro, non hanno potuto vivere questa entusiasmante esperienza. A partire dai team veneti che lo scorso anno erano con noi a Firenze come la Voltan Martellago, la San Marco Venezia, l'Athlon Padova e la Libertas Lupatotina.

E' stata una trasferta dalle intense emozioni che si è conclusa con la conquista di un combattuto, quanto inatteso, secondo posto. Il distacco dalla terza classificata, l'Atletica Ambrosiana capitanata dall'amica "Peppa" Perlino, è stato di soli 3 punti, a cui corrispondono altrettanti piazzamenti in classifica. Al quarto posto la rivelazione di questi campionati, le bravissime ragazze dell'Assi Giglio Rosso Firenze a 5,5 punti di distacco da noi. Al quinto le scatenate atlete della Santa Monica Misano, guidate dalla frizzante Licia Pari e da una mascotte dalle sembianze di Speady Gonzales. Con loro abbiamo instaurato una sorta di gemellaggio sui colori dell'azzurro.
Asi Veneto e Asi Veneto









Lo scudetto quest'anno è tornato alla CUS Romatletica, capitanata da Anna Micheletti, che ha schierato una formazione compatta e per noi, quest'anno, irraggiungibile visti i 31,5 punti di margine. Tanti complimenti a loro per il meritato successo.

Noi abbiamo pagato assenze importanti come quelle di Laura Bianchi (triplo), di Dina Cambruzzi (peso e alto) e Teuteria Corazza (peso e disco), delle mezzofondiste Isabella Giudica e Meri Pellizzaro. Ma anche le condizioni di alcune di noi, presenti in terra sarda, non erano comunque ottimali, ad iniziare dalle nostre "fuoriclasse" Barbara Ferrarini e Nadia Dandolo. Ma lo spirito di squadra ha prevalso su tutto e ognuna di noi ha dato il massimo magari inventandosi, per esigenze di società, nuove specialità come il disco o il triplo o mettendosi semplicemente a disposizione della squadra.

Il nostro presidente Sandro Giorgi ci ha seguite a distanza, mandandoci questo messaggio al termine della manifestazione:
"Care ragazze, le assenze e gli infortuni hanno pesato sul risultato finale che ci conferma comunque ai vertici dell'attività master. Tutte hanno lottato fino in fondo. Ci impegneremo per riprenderci il titolo il prossimo anno. Un abbraccio".


P.s. Peccato che la nostra mascotte "Lola" non abbia potuto accompagnarci in questa trasferta ; abbiamo in parte sopperito con una mucca di pelouche di dimensioni ben più ridotte, una "Lolina" pezzata bianca e nera che ha potuto viaggiare tranquillamente con noi in aereo.

La Lolina















Questi tutti i nostri piazzamenti:

1° - 400 - Mirella Giusti (MF50) 66"91 (963 p.)
2° - 200 hs - Chiara Maria Passigato (MF45) 36"75 (682 p.)
2° - 4x100 MF45- (L.Pierobon-R.Marchi-G.Ramani-D.Faraone) 55"05 (856 p.)
2° - 4x400 MF45- (M.Giusti-F.Nadali-D.Faraone-G.Ramani) 4'30"13 (924 p.)
3° - 400 - Fioretta Nadali (MF50) 67"55 (942 p.)
3° - 1.500 - Nadia Dandolo (MF45) 5'00"84 (926 p.)
3° - 1.500 - Liviana Piccolo (MF60) 6'06"58 (926 p.)
3° - 3.000 - Liviana Piccolo (MF60) 13'01"24 (930 p.)
4° - 100 - Rosa Marchi (MF45) 13"90 (v.-0.4) (819 p.)
4° - 200 - Mirella Giusti (MF50) 30"22 (v.-0.1) (866 p.)
4° - 800 - Fioretta Nadali (MF50) 2'41"40 (741 p.)
4° - 3.000 - Nadia Dandolo (MF45) 10'45"04 (919 p.)
5° - 100 - Lucia Pierobon (MF50) 14"75 (v.-0.9) (803 p.)
6° - alto - Chiara Maria Passigato (MF45) 1,35 (733 p.)
7° - 200 - Gabriella Ramani (MF45) 30"25 (v-0.1) (730 p.)
9° - triplo - Marchi Rosa (MF45) 8,60 (+4.4) (529 p.)
10° - giavellotto - Lucia Meneghesso (MF40) 25,71 (525 p.)
20° - lungo - Barbara Ferrarini (MF40) 3,54 (368 p.)
20° - disco - Barbara Ferrarini (MF40) 20,51 (408 p.)
22° - peso - Lucia Meneghesso (MF40) 8,02 (582 p.)

Dandolo e Ramani in premiazione

















La classifica femminile di società

1° CUS Romatletica 1.274 p.
2° Atletica ASI Veneto 1.242.5 p.
3° Atletica Ambrosiana 1.239.5 p.
4° Assi Giglio Rosso Firenze 1.237 p.
5° Santa Monica Misano 1.229 p.
6° Liberatletica Aris Roma 1.228.5 p.
7° Giovanni Scavo 2000 Atletica 1.214.5 p.
8° Idealdoor Libertas S.Biagio Treviso 1.195.5 p.
9° Pentatletica Trieste 1.186 p.
10° Vittorio Alfieri Asti 1.181.5 p.
seguono altre 10 società classificate

Societari master, ASI Veneto d'argento (societari master ultimo atto?)


Dal sito Fidalveneto.it:

(a cura di Rosa Marchi) Alla finale dei Societari Master di Cagliari, le atlete dell'ASI Veneto hanno agguantato sul filo di lana il titolo di vice-campionesse d'Italia. Con 1.242,5 punti hanno superato di soli 3 punti l'Atletica Ambrosiana e di 5,5 punti l'emergente Assi Giglio Rosso Firenze. La vittoria è andata alla Cus Romatletica, che ha collezionato 1.274 punti con un distacco di 31,5 punti sulle venete. Purtroppo l'ASI Veneto ha dovuto fare i conti con assenze e infortuni che hanno significativamente influito sul risultato finale, sottraendole dalla sfida per il primo posto. Brave anche le trevigiane della Idealdoor Libertas San Biagio, ottave con 1.195,5 punti.
In campo maschile, nella classifica vinta per il terzo anno di fila dall'Atletica Amatori Rimini, il miglior piazzamento veneto è andato alla vicentina Masteratletica, che ha ottenuto un ottimo settimo posto. Bravi anche i padovani della Virtus Este, che si sono classificati all'undicesimo posto. Purtroppo, come già annunciato, non sono state presenti le formazioni venete della Voltan Martellago (vincitrici della fase regionale e seconde nella classifica nazionale dopo la fase regionale), della San Marco Venezia (seconde nella fase regionale e settime nella classifica nazionale) e dell'Athlon Padova (ripescata dopo la rinuncia della Voltan). La loro mancanza si è fatta sentire nelle avvincenti sfide di questi societari.

Firenze vs Cagliari
Dopo l'edizione record dello scorso anno a Firenze (con oltre oltre 800 atleti in rappresentanza di 32 formazioni maschili e 25 femminili, per un totale di circa 1600 atleti/gara), a Cagliari i numeri sono stati in parte ridimensionati. Ben 22 (11 maschili e 11 femminili) sono state le formazioni che, pur avendone diritto, hanno rinunciato alla partecipazione alla finale nazionale (7 non hanno confermato a fine luglio, 3 hanno rinunciato a sostituire le squadre rinunciatarie, 12 pur avendo confermato non si sono iscritte alla manifestazione). Alla fine si sono comunque presentate in terra sarda, animate da tanto entusiasmo, 23 formazioni maschili e 20 femminili, con 564 atleti per un totale di 1200 atleti/gara. Chi è riuscito ad essere presente, superando difficoltà logistiche, economiche e di lavoro, è stato premiato dalla calorosa accoglienza dei cagliaritani, da una organizzazione all'altezza dell'evento e da due splendide giornate di sole.

Societari master ultimo atto?
Un brivido lungo la schiena ha pervaso gli atleti presenti allo stadio "Riccardo Santoru" quando lo speaker ha annunciato che Cagliari era lieta di ospitare quella che sarebbe stata l'ultima edizione della finale nazionale dei Societari master su pista. Dopo 21 anni, l'evento che più di ogni altro ha saputo accendere gli animi e lo spirito di squadra degli atleti "over 35", una manifestazione sicuramente migliorabile per alcuni aspetti ma che non ha eguali a livello internazionale e che all'estero ci invidiano, sembrerebbe essere giunta al termine. Pierluigi Migliorini, consigliere nazionale presente a Cagliari in rappresentanza della Fidal, ha spiegato che ci sono delle proposte che porteranno a sopprimere questa manifestazione sostituendola con altre formule che però non prevederanno una finale nazionale. Le proposte verranno a breve sottoposte al parere dei Consigli Regionali prima di essere ratificate. Personalmente, auspico che le società master vengano coinvolte a livello regionale prima che le decisioni vengano prese in via definitiva.div>

Il meccanismo dei societari 2010
Il regolamento di questa edizione dei Campionati di Società era simile a quello del 2009, contemplando la possibilità di schierare due atleti/gara per società. Con le tabelle di punteggio master (Fidal 2007) è stato poi possibile comparare prestazioni di atleti di età diversa, al fine di ottenere una classifica unica e indipendente dalla categoria di appartenenza: al primo classificato sono stati assegnati 100 punti, al secondo 99 e così via. La classifica di società è stata stilata sommando 13 punteggi ottenuti in 13 gare diverse delle 15 in programma.

Gli atleti veneti al primo posto
Splendida doppietta per Dario Rappo (MM60), vincitore sia dei 1.500 che dei 3.000 metri. Ottimi i riscontri cronometrici, rispettivamente di 4'48"13 e 10'21"81. Il presidente della Masteratletica torna così ai vertici nazionali dopo un periodo di infortuni. Vittoria anche per Lorenzo Muraro, un altro portacolori della Masteratletica, che con il tempo di 26"12 ha fatto tremare il suo primato italiano MM40 sui 200 ad ostacoli. In campo femminile una sola vittoria è stata firmata da un'atleta veneta: merito di Mirella Giusti (MF50) che ha corso il giro di pista in 66"91. La grintosa atleta dell'ASI Veneto ha siglato in questa gara il suo primato personale nella categoria MF50.

Le classifiche di società
DONNE
1° CUS Romatletica 1.274 p.
2° Atletica ASI Veneto (VE) 1.242.5 p.
3° Atletica Ambrosiana 1.239.5 p.
4° Assi Giglio Rosso Firenze 1.237 p.
---
8° Idealdoor Libertas S.Biagio (TV) 1.195.5 p.
---
UOMINI
1° Olimpia Amatori Rimini 1278.5 p.
2° CUS Romatletica 1.240.5 p.
3° Daini Carate Brianza 1.238 p.
---
7° Masteratletica (VI) 1.176.5 p.
---
11° Virtus Este Valbona (PD) 1.161 p.

---

I risultati
Riportiamo tutti gli atleti veneti che si sono contraddistinti classificandosi ai primi 8 posti della classifica comparata. Oltre al risultato viene riportato anche il punteggio tecnico assegnato e il punteggio valido ai fini della classifica di società:

UOMINI
400:
8° Lorenzo Muraro (MM40-Masteratletica VI) 53"23 (818 p. - 93 p.).
800: 6° Francesco Palma (MM45-Masteratletica VI) 2'08"35 (759 p. - 96 p.).
1500: 1° Dario Rappo (MM60-Masteratletica VI) – 4'48"13 (960 p. - 100 p.).
3000: 1° Dario Rappo (MM60-Masteratletica VI) – 10'21"81 (888 p. - 100 p.).
200 hs: 1° Lorenzo Muraro (MM40-Masteratletica VI) – 26"12 (v.+0.2) (906 p. - 100 p.).
Alto: 8° Claudio Gallana (MM50-Virtus Este Valbona PD) 1,60 (8,17 p.-93 p.).
Triplo: 3° Roberto Bortoloni (MM70- Virtus Este Valbona PD) 8,86 (v.-0.1) (845 p. – 98 p.).
Giavellotto: 7° Roberto Bortoloni (MM70- Virtus Este Valbona PD) 28,54 (699 p. – 94 p.).
4x100: 6° Virtus Este Valbona PD (MM55) (Adriano Vettorello -Renato Gallo - Giorgio Dotto- Piero Cavallini) 51"06 (808 p. - 95 p.).

DONNE
100: 4° Rosa Marchi (MF45-ASI Veneto VE) 13"90 (v.-0.4) (819 p. - 97 p.); 5° Lucia Pierobon (MF50–ASI Veneto VE) 14"75 (v.-0.9) (803 p. - 96 p.); 7° Cecilia Mattiuzzio (MF45 – Libertas S.Biagio TV) 14"27 (-1,2) (753 p. - 94 p.).
200: 4° Mirella Giusti (MF50-ASI Veneto VE) 30"22 (v.-0.1) (866 p. - 97 p.); 7° Gabriella Ramani (MF45-ASI Veneto VE) 30"25 (v-0.1) (730 p. - 94 p.).
400: 1° Mirella Giusti (MF50-ASI Veneto VE) 66"91 (963 p. - 100 p.); 3° Fioretta Nadali (MF50-ASI Veneto VE) 67"55 (942 p. - 98 p.).
800: 4° Fioretta Nadali (MF40-ASI Veneto VE) 2'41"40 (741 p. - 97 p.); 7° Elsa Mardegan (MF45-Libertas S.Biagio TV) 2'39"32 (686 p. - 94 p.);
1500: 3° Nadia Dandolo (MF45-ASI Veneto) 5'00"84 (926 p. - 97.5); 3° Liviana Piccolo (MF60-ASI Veneto VE) 6'06"58 (926 p. - 97.5 p.); 5° Elsa Mardegan (MF45-Libertas S.Biagio TV) 5'13"26 (848 p. - 96 p.);
3000: 3° Liviana Piccolo (MF60-ASI Veneto VE) 13'01"24 (930 p. - 98 p.); 4° Nadia Dandolo (MF45-ASI Veneto) 10'45"04 (919 p. - 97 p.);
200 hs: 2° Chiara Maria Passigato (MF45-ASI Veneto VE) 36"75 (682 p. - 99 p.).
Alto: 4° Lina Costenaro (MF45.-S.Biagio TV) 1,41 (799 p. - 97,5 p.); 6° Chiara Maria Passigato (MF45-ASI Veneto VE) 1,35 (733 p.- 95 p.).
Peso: 7° Raffaella Bolzonella (MF50-S.Biagio TV) 8,94 (792 p.- 94 p.).
4x100: 2° Atletica ASI Veneto (MF45) (Lucia Pierobon-Rosa Marchi-Gabriella Ramani-Daniela Faraone) 55"05 (856 p. - 99 p.); 8° Idealdoor Libertas S.Biagio (MF45) (Graziella Tronchin-Cecilia Mattiuzzo-M.T.Campigotto -Paola Butturini) 58"92 (708 p. - 93 p.)
4x400: 2° Atletica ASI Veneto (MF45) (Mirella Giusti-Fioretta Nadali-Daniela Faraone-Gabriella Ramani) – 4'30"13 (924 p. - 99 p.).

Link al sito Fidal con i risultati completi della manifestazione [clicca qui – http://www.fidal.it/2010/COD2561/Index.htm]

Nella foto: le ragazze dell'Atletica ASI Veneto (Foto Archivio Asi Veneto)